Gutenberg

gutenberg.gifGutenberg; Guy Bechtel

Una storia di identità, di ricerca sui pochi dati e voci più o meno attendibili sulla “paternità” dell’invenzione dei caratteri.
Johann Genfleisch zur Laden zum Gutenberg, data di nascita sconosciuta ma alla fine del XV secolo, non si sa nulla sulla sua infanzia, adolescenza e influenze culturali.
Ma la storia intrigante è che il nostro nel 1448 chiede in prestito una grossa somma di denaro, 150 Gulden, a un ricco possidente, per “costrure una macchina per libri” prima, e mettere in piedi un impresa chiamata: “L’Opera dei Libri” (werck der bucher). Nel 1455 questi rivuole indietro i soldi e si apre un processo di cui non si conosce l’esito. Un uomo, Gutenberg sempre in difficoltà finanziarie, fino alla sua morte avvenuta agli inzi del 1468, nonostante provenisse da famiglia agiata…
Tutto inizia da una città tedesca, Magonza, sulle rive del Reno, città ricca “La città d’oro”, Gutenberg si sposta poi a Strasburgo, da dove già inizia a chieder soldi… tutto ciò mi fa pensare a un uomo, o meglio un uomo giovane, carico di un’idea che avesse messo in moto la sua intelligenza, per cui doveva trovare modo di finanziarla.
Insomma un libro che tenta di mettere insieme quei pochi fatti e testimonianze aperte a molteplici interpretazioni e in modo tale che diano per logicità Il Gutenberg (buona montagna) inventore dei caratteri di stampa mobili e il primo capolavoro di arte tipografica, il primo libro stampato della storia; la grande bibbia.

Editore: S.E.I.
pagine: 475
ISBN: 88-05-05379-1
prezzo: 45.000 lire. L’ho trovato a un euro e cinquanta, in un buco polveroso di libreria a Roma, tra la Via Appia e la Via Tuscolana.

Gutenbergultima modifica: 2009-05-16T16:37:06+02:00da maximored
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento