L’Aleph

l%27aleph.gifL’Aleph Qui Borges esprime i suoi sogni o, secondo me, le sue fughe Bachiane in un mondo che non tocca assolutamente la comodità mentale. Un mondo parallelo vestito di ricordi e menzogne artistiche degne del più grande scrittore degli ultimi tempi.
17 racconti tra cui; “La Casa di Asterione” colpisce la tentata fuga dalla disperazione di un Minotauro in cerca di un suo opposto che ne allevii la solitudine in una casa dalle infinite stanze e dai infiniti corridoi.

“I Teologi” L’eresia è il culmine di una ostinata ortodossia e una paura del nuovo tende alla distruzione:  *Devastato il giardino, profanati i calici e gli altari, gli unni entraraono a cavallo nella biblioteca del monastero e lacerarono i libri incomprensibili, li oltraggiarono e li dettero alle fiamme, temendo forse che le pagine accogliessero bestemmie contro il loro Dio, che era una scimitarra di ferro.* Una qualsiasi opera di Borges da leggere non deve mancare nella vita per puro piacere di leggere.

Editore: Universale Economica Feltrinelli
pagine: 172
ISBN: 978-88-07-80334-5
prezzo: € 6.50
l’ho pagato per intero alla Feltrinelli via del Babuino Roma, acquistato una seconda volta in quanto lo avevo gettato senza accorgermenne nei secchioni insieme alla spazzatura in una mattina di luglio del 2007.