Chimica

Chimica_per_gli_istituti_tecnici.gifChimica; Aurelio Alterio

E chi l’ha detto che i libri scolastici, che trattano scienze e dintorni, non restino interessanti a lungo? Non lo so, ma se qualcuno lo dice, ci ripensi!
A parte il leggero umorismo, sottolineo questa qualità e risfogliando questo, edito per:  “gli Istituti Tecnici Commerciali e per gli Istituti Tecnici femminili” (istituti tecnici femminili?).
Pubblicato nel 1969 è una settima edizione riveduta.
Una leggera “rivoluzione scolastica” si evince già dalla prefazione:

<< […] le cosiddette nuove metodiche o nuove didattiche provenienti d’oltre Atlantico, sono da considerare, allo stato attuale delle cose, ancora lontane dalla realtà della nostra scuola. Attribuire questo stato di insuccesso  alla resistenza degli insegnanti, come qualcuno vorrebbe, è del tutto arbitrario. L’esperienza ha invece dimostrato che espressioni suggestive come “lavoro di gruppo”, “sperimentazione da parte dell’allievo”, “ricerca guidata della legge”, “abolizione della lezione cattedratica, vanno a infrangersi contro situazioni meno attraenti come; “classi di 35 alunni”, “obbligo delle interrogazioni e del voto trimastrale, “locali insufficienti”, “attrezzature inadatte” ecc.[…]
Va bè ma questo è un altro discorso…

Il libro inizia con la lezione base di “Cos’è la chimica?” e mi pare giusto… la struttura dell’atomo,  gli elementi,  le reazioni chimiche, le leggi a cui molti scienziati hanno dato il nome, Dalton, Avogadro, Elettrolizzatore di Fauser, Gay-Lussac ecc, non sto a elencarli tutti. Certo il libro percorre uno standard e una evoluzione di studio “aderente” algli inizi degli anni ’70, ma ciò che vi è scritto e discusso varrà ancora per moltissimi anni, e non toglie l’utilità di consultazione sulle esperienze, sulle peculiarità e le qualità di ogni elemento o composto chimico.

Editore; Petrini – Torino
pagine; 338
ISBN; nemmeno per idea!
prezzo; 2.000 lire. Al mercatino del libro usato l’ho pagato un paio d’anni fa, 3euro! di più del prezzo originale! Il paradosso, legge di mercato per altro comprensibile. Gay-Lussac la enunciò per i gassssss

Quanti_e_realtà

quanti_e_realtà.gifQuanti e Realtà; a cura di Stephen Toulmin

Tanto materiale specifico estratto da una serie di conversazioni trasmesse dal terzo programma della BBC. I contributi dei professori A. B. Pippard e Nicholas Kemmer, della dottoressa Mary B. Hesse e una discussione tra Maurice Pryce e David Bohm.

La domanda principale che questo libro espone è se con 2500 anni di evoluzione, sin dagli antichi filosofi e matematici greci, siamo giunti ora a delineare, in maniera che definisce uno dei molteplici aspetti della struttura intima della materia, è lecito chiedersi se si potrà andare oltre, cioè l’eventuale   struttura intima della struttura intima… frattale no?!

si mette in discussione inoltre, una possibile “strategia intellettuale” per cui occuparci della fisica teorica anche relativamente al campo della “filosofia naturale” da cui è nata. Come si vede l’ampio spettro di discussione porta il lettore a sperimentare nuove vie di approccio, non stereotipate.
Particelle e onde – Onde e probabilità – Modelli e materia – sono i tre capitoli principali su cui si basa questo interessante lavoro.

Editore; Sansoni
pagine; 128
ISBN; —
prezzo; 4800  lire acquistato alla solita bancarella del libro usato insieme ad altri tomi. Un bel giallo vecchio delle pagine ai bordi racchiuse da una copertina ormai bianco avorio con un profumo di scaffale di noce antica dell’alto Trentino e screziature di tabacco venezuelano. ..

(e sto a scherzàaa)

 mica tanto

Le … matematica moderna

Le Basi della Helmut Seiffert.gifMatematica moderna; Helmut Seiffert
numeroso!

Helmut Seiffert, docente di Filosofia della Scienza all’Università Erlangen-Norimberga, logica e matematica.
Lo studio delle proprietà dei numerie calcoli, partendo da quelle che sono le basi o introduzioni di base dei fondamenti della matematica. Un testo che esce dalla concezione comune del “manuale”, esso è piuttosto un percorso di costruzione del materiale aritmetico, partendo proprio da ciò che possiamo valutare con i numeri la quotidianità.
Perciò; semplice, divulgativo e strutturato in maniera di facile lettura, nonostante alcuni passi non siano subito intuitivi.
Numeri naturali, le operazioni, associatività, commutabilità,concezione di infinito e di insiemi ecc.
Solo l’atto del contare assume, se concepito in dettaglio, un’orizzonte più ampio, un significato che parte da lontano… bastoncini, sassolini e pecore!
Insomma un testo ogni tanto da consultare, certamente adatto a chi ama i dettagli dell’aritmetica, all’apparenza semplici, ma che hanno implicazioni a cui non pensiamo tutti i giorni. Voglio dire; che dietro un pagamento di un caffé a 80 centesimi, non sborsiamo soltanto 8 pezzi da 10 cntesimi!

Editore; E S T
pagine; 191
ISBN; —
prezzo; 4000 lire. il mio acquisto è sempre da negozietto da usato, non più di 1 euro.

L’Io della Mente

L'io della mente.gifL’Io della Mente; Douglas R. Hofstadter e Daniel C. Dennett

Voglio iniziare con la quarta di copertina con le parole degli autori, in quanto mi sembra esplicativo in giusto modo;
<<Che cos’è la mente? Chi sono io? Può la mera matrias pensare o sentire? Chiunque si trovi ad affrontare queste domande precipita in un mare di perplessotà. Questo libro vuole essere un tentativo di rilevare queste perplessità e portarle in piena luce … vuole dunque provocare, infastidire e onfondere i lettori, vuole rendere strano ciò che è ovvio e, magari, rendere ovvio ciò che è strano.>>

Un libro che percorre  sei situazioni introspettive, in modo da “vedere” e considerare in luce diversa l’interiorità; il senso del sé; alla ricerca dell’anima; dall’hardware al software; la mente come programma; sé creati e libero arbitrio e l’occhio interiore .
A loro volta queste introspezioni ramificano in riflessioni dettagliate e ci portano per mano su aspetti dove l’ovvietà sembra perdere significato allo stesso modo ogni stranezza.

<<Che cosa ti fa essere te, e quali sono i tuoi confini? La risposta sembra in parte ovvia: tu sei un centro di coscienza. Ma cos’è mai la coscienza? La coscienza è il connotato più ovvio e insieme più misterioso della nostra mente. Da un lato, cosa potrebbe essere più certo o manifesto a ciascuno di noi del fatto di essere un soggetto di esperienza,  che gode percezioni o sensazioni, patisce dolori, nutre idee e delibera coscientemente? Come fanno i corpi fisici viventi del mondo fisico a dar luogo a questo fenomeno?>>

Bè a una domanda cosí, o se preferite una intelligente curiosità non può che seguire un intelligente sequenza di congetture, teorie, filosofie… non è solo una domanda “aperta” ma è il fulcro dell’autodeterminazione a prescindere dalle risposte.
Io vi auguro di incontrare questo libro!

Editore: gli Adelphi
pagine: 496
ISBN: 88-459-0791-0
prezzo: 22.000 lire. Acquisto successivo a “Godel Escher e Bach” di Hofstadter. Non potevo mancarlo e l’ho reperito con felicità in un negozio di chincaglierie, croste e mobili tarlati, in una catasta di libri di cui ho fatto incetta. quanta polvere… pffff f f f

 

Topografia

topografia_cannarozzo.gifTopografia; Salvatore Cannarozzo

Tacheometrico!

Anche il libro di consultazione è a mio avviso un volume da mantenere vivo e risfogliarlo per carpirne ancora, dove possibile, argomentazioni specifiche.
In questo caso la materia topografica e in specifico, l’ottica geometrica risulta essere , per chi come me appassionato di astronomia, transla nelle ottiche telescopiche le caratteristiche fisiche di ruflettività delle lenti.
Quindi, ancor più interessante “la riflessione e rifrazione della luce” , Il funzionamento del cannocchiale, i prismi e altro ancora.allineatore di Coutureau.gif
Un testo scolastico fatto bene, con illustrazioni e note, una divulgazione intuitiva e facile, per chi abbia un pò di dimestichezza con questa materia.
Lo Squadro allineatore di Coutureau… non ho neanche trovato nulla in riferimento on line, lo stesso per quello di Ertel e quello di Adams!
Insomma, che ne sappia una più del diavolo geometra!

Editore; Signorelli Roma
pagine: 551
ISBN: niente!
prezzo: 2400 lire.Ua quarta edizione del 1971 (Grafiche Chicca s.p.a. Tivoli (Roma)
Acquistato al mercatino dei libri usati a Roma, agli inizi degli anni 80. Giallo come un libro vecchio, prezioso come un vecchio libro.

 

I primi tre minuti

steven weinberg.gifI primi tre minuti; Steven Weinberg

L’imfinito!

L’origine dell’universo, che domanda!
Il quesito originale, o il peccato della scienza, ad ogni modo è l’affascinante perché. E per porterne parlare ci vuole intelligenza comunicativa e non manca a Steven Weinberg.
La peculiarità costruttiva di questo libro è quella di partire a ritroso, cioè dal qui e ora,  per fare un viaggio fin dove la nostra mente ci può “reggere”. Talmente vicini ai primi minuti, li dove vacilla il senso comune.
Weinberg mette insieme dati osservativi e leggi fisiche, comunicando passo passo eventi catastrofici e dai comportamenti che valgono più attente analisi e considerazioni.
Esaltando nella ricerca l’uomo e le sue creazioni atte a studiare il cosmo e le proprie origini:
<<Gli uomini e le donne non si accontentano di consolarsicon miti di dèi o di giganti o di restringere il loro pensiero alle faccende della vita quotidiana; costruiscono anche telescopi e satelliti e acceleratori, e siedono alla scrivania per ore interminabili nel tentativo di decifrare il senso dei dati che raccolgono. Lo sforzo di capire l’universo è tra le pochissime cose che innalzano la vita umana al di sopra del livello di una farsa, conferendole un pò della dignità di una tragedia.>>
Libro scritto per chi ha voglia di allenare il cervello pur non essendo esperto in materia.

Editore: Arnoldo Mondadori
pagine: 216
ISBN: niente.
prezzo: non lo so, non c’è scritto da nessuna parte. Io posseggo questa edizione del 1977 e l’ho acquistato a una fiera estiva a Ardore Marina in Calabria una quindicina di anni fà. Un caldo serale soffocante, un banchetto con pochissimi libri e una luce alimentata a gas, il nero della copertina brillava ai miei occhi, un paio di milalire!

La Terra in Espansione

la terra in espansione.gifLa Terra in Espansione: Samuel Warren Carey

Geo-logico!
Alfred Wegener nel 1915 formulò la deriva dei continenti… ma;

Un Libro con la “L” maiuscola, in quanto scuote un po la comunità scientifica che studia l’evoluzione geologica.

Una teoria, intrigante che risponde in modo aderente a quelle preeesistenti su cui si fonda questa materia che da molto tempo è rimasta solidamente ancorata a leggi che per alcuni scienziati abbisogna di rivisitazioni, uno di questi è appunto S. Warren Carey.
La tettonica a placche accettata dalla comunità scientifica, per Carey è un dogma, quindi, propone un nuovo modello, dettagliato e documentato, come si deve in questi casi; il globo terrestre era in origine molto più piccolo e ricoperto totalmente dalla crosta continentale, si è ingrandito e continua ad evolversi in questo senso.
La concezione attuale per cui la litosfera galleggi al di sopra di uno starto “plastico” e che va in estensione in profondità per alcune centinaia di km ed è suddivisa in grandi blocchi o placche, delimitate dalle dorsali oceaniche, da faglie a rigetto orizzontale e fratture arcuate, si allontanino l’una dall’altra in corrispondenza delle dorsali medio oceaniche, sembra per Carey un concetto semplicistico. La tettonica a zolle non definisce l’origine e l’evoluzione delle forze che hanno messo in movimento queste placche.
Qui allora viene fuori l’intuizione, l’intelligenza e lo studio di chi ha dedicato anni della propria vita a questa branca di studio.
Carey come una sorta di premessa porta a testimonianza un’evoluzione culturale partendo da Eratostene a Jean André de Luc (fu lui a coniare il termine <<geologia>>.
Insomma a mio avviso un ottimo lavoro che va letto anche da chi geologo non è.

Editore: Laterza BCM (Biblioteca di Cultura Moderna)
pagine: 345
ISBN: 88-420-2770-7
prezzo: 34.000 lire. Preso al mercatino del libro usato a Piazza Tuscolo a Roma per 5000 lire credo nel 1999. Ricordo però che era avvolto in plastica domopak e pesava un’enormità per 345 pagine, infatti la carta è spessa e pure la copertina. Era leggermente ingiallito, mi spinse ad acquistarlo le frase di quarta:<<Una proposta teorica nuova e affascinante – quasi una filosofia dell’universo – >>

Capire la chimica

federchimica.gifCapire la chimica; a cura  di Federchimica

alambicc!

Un libriccino che dovrebbe farmi capire la chimica?
Una specie di dizionario dei termini della chimica con relativa sintetica (troppo) spiegazione, e anche in sintesi ci sarebbero volute dieci volte le pagine di questo volumetto. Senza poi contare i rimandi: <<Schiume poliuretaniche: (vedi poliuretani)>>
La presentazione è affidata (o autoaffidata) al presidente, allora,  della Federchimica; Gianni Varasi che esordisce: <<Lo scambio di informazioni rappresenta uno dei modi principali di interazione tra gli uomini, un insostituibile fattore di sviluppo della vita associativa. (giusto, dico io)[…] la politica di comunicazione di Federchimica si pone come obiettivo prioritario proprio quello di sviluppare un dialogo continuo e coerente con la società, per controbattere i pregiudizi e le informazioni errate o parziali che spesso circondano l’industria chimica>> dall’interno: Elettrone: non è riportata nessuna informazione, DDT: …è stato il più utilizzato insetticida degli ultimi 50 anni per la sua azione polivalente e la sua efficacia residua. Esso ha consentito di risolvere rilevanti problemi di disinfestazione, ma ha causato gravissimi problemi di inquinamento e squilibri ecologici. In Italia ne è vietato l’uso in agricoltura.  Ha consentito di risolvere “rilevanti problemi”… (E i danni sull’uomo?) va bè…
Maree rosse: E che c’entrano con la Federchimica? Ci hanno buttato loro qualcosa nel mare aklterando con rifiuti tossici?
Lasciamo stare così. Sicuramente per quanto io abbia speso una bazeccola per averlo… era meglio un cappuccino.

Editore; Rizzoli
pagine: 110
ISBN: nn
prezzo: non riportato. probabilmente era insieme a qualche pubblicazione della Rizzoli (“Il Mondo” del 23 febbraio1987) che ne aveva inserito sto volumetto per “ammorbidire” le proteste contro l’inquinqmento chimico. E che altro se no? Una bufala riuscita benissimo in quanto bufala.

 

Chimica materia e vita

miall stephen.gifChimica materia e vita; Stephen. Miall – Laurence M. Miall

Atomico!

Un ottima stesura relativa ai comportamenti degli elementi chimici; radioattività, gas rari, le strutture molecolari dei cristalli ecc.
Disegni, illustrazioni e grafici che rendono al testo un aderente supporto visivo.
Sicuramente di ottima consultazione e adatto anche a neofiti. Nella nota iniziale del libro si legge: ” <<Spiegare le cose comuni e i fenomeni quotidiani, anche se spesso essi sono complicati>> : Cosí gli autori, dichiarano lo scopo del loro lavoro, nel quale si propongono di soddisfare, o di sollecitare, la curiosità del lettore per ciò che sta dietro a cose tanto comuni e quaotidiane quali possono essere il colore dei fiori, o la combustione nella stufa di un pezzo di carbone, o la sua stessa respirazione e digestione.”
Una  nota introduttiva chiara ma, datata come stile, parliamo di più di cinquant’anni fa…
Non so se si riesca a trovare questo libro ancora, ma vi consiglio di “attivarvi” e indagarne la disponibilità.
Titolo originale: Chemistry, Matter and Life, Edward Arnold & Co., London. Copyright 1950 by Giulio Einaudi editore / Traduzione di Franco Chioetto.

Editore: Giulio Einauidi
pagine: 441
ISBN: non esisteva
prezzo: in lettere: Lire quattrocentocinquanta. Io l’ho pagato di più! 2 € E questo tipo di inflazione mi è piaciuta, d’altronde come non acquistare un libro interessante nei contenuti, e che riporta una dicitura in ultima pagina: “Finito di stampare il 2 gennaio 1951 nella Tipografia Stella Alpina in Novara“.

L’Enigma della Gravitazione

gravitazione.pngL’Enigma della Gravitazione: Peter G. Bergmann.

Spazio-tempo!
Nell’ultimo mezzo secolo la teoria di Einstein della relatività è ormai accettata come “legge universale”, quindi base per capire concetti e comportamenti di oggetti astronomici visibili ormai con telescopi extraatmosferici, per cui se consideriamo che dal lancio del telescopio Hubble si sono aperti orizzonti nuovi, questo libro tende a rendere più “oggettiva” la teoria della relatività in relazione a sistemi astronomici che presentino peculiarità gravitazionali e ottiche.
Un libro che istruisce e ci porta per mano nella prima parte nella comprensione della relatività ristretta, con esempi, grafiche e concetti base, nella seconda alla relatvità generale, mentre nella terza parte si occupa dei recenti sviluppi e delle applicazioni dlla teoria.cosmology_1.jpg

“La teoria della gravitazione di Einstein prevede l’esistenza di onde gravitazionali, con proprietà in certo qual modo sinili a quelle della radiazione elettromagnetica. Le onde gravitazionali sono emesse da corpi pesanti sottoposti a un’accelerazione e si propagano alla stessa velocità della luce. Quando le onde incontrano una particella pesante, dotata cioè di massa, producono su essa un’accelerazione: dopo il passaggio di un’onda gravitazionale ogni particella vede modificata la sua velocità. Inoltre, quando un fronte ondulatorio gravitazionale incontra una nube di particelle inizialmente a riposo l’una rispetto all’altra, queste cominciano a muoversi reciprocamente: i moti relativi sono perpendicolari alla direzione secondo cui viaggia l’onda gravitazionale.”
Un bel libro divulgativo un pò diverso dai soliti a volte noiosi nelle loro canoniche esposizioni, questo risulta scorrevole e con molteplici input alla mente.

Editore: Mondadori (Edizioni Scientifiche e Tecniche)
pagine: 207
ISBN: nn
prezzo: 3500 lire. Acquistato in un negozio di mille chincaglierie riciclate, da chitarracce senza corde a quadri-crosta, insomma tra polvere e scartoffie salta fuori sto libro che pago 50 centesimi, insieme a un oggetto sconosciuto che dopo 4 anni ancora non so cos’è!