In Asia

In Asia Tiziano Terzani.gifIn Asia: Tiziano Terzani

reporter

Non bastano i molteplici giornalisti che dell’Asia fanno reportage preconfezionati, divulgativi facili e stereoptipati per farsi leggere con semplicità, vendendo una opinione che sa di già letto.
Terzani, al contrario che l’Asia l’ha vissuta nel vero, condividendo povertà e umanesimo ne ritrae un reale aspetto umano. Ma l’Asia dei contadini e dei rurali ignari dell’opulenza occidentale, questi sono gli scrigni della vera cultura umanistica.
Il reportage della Vittoria di Cory Aquino e gli americani che si andavano a riprendere quello che restava di Marcos, ce lo avevano messo e ora il popolo ne aveva abbastanza della dittatura che veniva dall’occidente.
Ma sarebbe lungo riportare tutti i paesi toccati di cui Tiziano Terzani ci ha raccontato delle storie vere di popoli e governi, di razzismi atavici e culture diverse; dalle Filippine, al Giappone, all’India, la Cina, Vietnam, Macao e ogni paese un accadimento feroce o di credenza religiosa. Il tutto raccontato, semplicemente raccontato, in uno stile giornalistico di prima fascia. C’è ad ogni modo, tra le righe una riverenza e un rispetto verso l’Oriente di cui Tiziano Terzani ne ha fatto filosofia e comprensione verso la morte che probabilmente rimase delusa dall’accoglienza che gli ha riservato.

Editore: TEA
pagine: 435
ISBN: 88-502-0617-8
prezzo: 8,00 €. Acquistato alla libreria Termini per accompagnare un viaggio a Milano per un infruttuoso incontro di lavoro che presi con molta filosofia, cosciente che ce ne sarebbero stati ancora.

Il piccolo Pellaprat

Il piccolo Pellaprat.gifIl Piccolo Pellaprat; Henry-Paul Pellaprat

Gustoso!

La Grande Cucina per Tutti (le migliori ricette di cucina e di pasticceria) Ne vogliamo parlare?
“La cucuna è quando le cose
hanno il gusto che sono”
E va bèh! Sò d’accordo porca paletta, ma vedendo le fotografie su questo bel volume ti viene da dire a tua moglie o chi ti è vicino: <<Perché non prepari un bel vassoio di Scampi Château Boscaut?>>

*Cuocere nel court-bouillon gli scampi e i gamberoni; lasciarli freddare e poi sbucciarli dividendo in due i gamberoni. Versare in uno stampo l’insalata russa legata con la gelatina. Far freddare e poi sformare. Disporre gli scampi e i gamberoni a corona intorno all’insalata russa, guarnire con le olive, la maionese e il prezzemolo.*

Menù da ricevimento, menù quotidiani e piatti unici, i vini e la pasticceria. Un grande cuoco che ci svela segreti che tali più non sono, ma ben accetti per chi ha pazienza e passione di realizzarli. Ben fatto il libro con una preparazione di tute le basi e  le salse. Ho provato ad aprire a caso e ogni volta era una bella pertura. Uno di quei volumi che non debbono mancare in una libreria.

 

Editore: Sansoni
pagine; 320
ISBN; non esisteva
prezzo; cancellato, un regalo di mio cognato Chef (e che ti dico?) Un volume di almeno 40cm x 30 che credo superi il chilo di peso. Stampato nel settembre 1980 dalle officine grafiche F.lli Stianti, Sancasciano-Firenze, per conto della G.C. Sansoni Editore Nuova S.p.A., Firenze. A titolo di mera cronaca scrissi.

problemi della preadolescenza e…

psicologia dell'adolescenza.gifProblemi psicologici della preadolescenza e dell’adolescenza; Guido Petter

Questo volume fa parte di una collana di pedagogia e didattica per gli insegnanti. Io non sono un insegnante, ma ciò non mi impedisce di sapere come essi insegnano in base a queste problematiche, quando ne usano le soluzioni (se).
Un excursus cronologico di sviluppo intellettuale, lo sviluppo fisico che potrebbe essere  qualche irrgolarità (obesità, altezza) dalla fanciullezza alla maturazione sessuale; sono basilari e hanno predominanza sulla sfera dello sviluppo psichico “in quanto condizionano la formazione di una certa immagine di sé e delle proprie possibilità, e la elaborazione di un certo piano di vita”.
Questo è indubbio e va certamente tenuto in prima considerazione, ma le soluzioni, secondo me, possono essere varie e uniche da soggetto a soggetto e un approccio generico rafforza solo la statistica per mantenere in “media” risultati positivi e negativi.
Di certo mi sembra un elenco di situazioni laddove queste “irregolarità” si presentino, fine a se stesso, e poi non è affatto detto che un ragazzino obeso o che porta gli occhiali risulterà uno sviluppo intellettuale *diverso* dalla media. Ma è un mio modestissimo parere.
[…] fra i diversi processi che riguardano lo sviluppo fisico, intellettuale, affettivo o sociale dovrebbe portare un adulto  a rndersi più facilmente conto che anche fatti ai quali egli tenderebbe ad attribuire una portata circoscritta (un live difetto fisico, un rimprovero severo, un divieto a cui non sia stata data motivazione obbiettiva) possono avere risonanze sproporzionate e determinare comportamenti inattesi (crisi depressive, ostilità accompagnata da sensi di colpa, “fughe” temporanee...[…]
A me pare nulla di nuovo sotto il sole. O gli insegnanti non sono adatti insegnare, in quanto chi ha insegnato loro era a sua volta inadatto, o Guido Petter se ne è accorto e ha voluto comunicare loro che esiste questa problematica.

Editore: La Nuova Italia Editrice
pagine: 269
ISBN:  non c’è
prezzo 2000 lire credo, è un po cancellato. Anche questo volume l’ho recuperato dal macero nel famoso cartone della biblioteca dismessa del mio paese. Salvare i libri è in fondo una mia passione che non conoscevo ancora. Che eroe
!

Shakespeare; Vita, Poetica, Opere

Shakespeare poesie.gifShakespeare; Vita, Poetica, Opere scelte
Riassuntivo!

Un grande poeta, un grande favolista, ma è lui o non è lui?
Sta cosa che Shakespeare fosse un altro mi sa tanto di mistero artefatto, ma chemmimporta?
Su questo volume c’è un po di tutte ste cose e molta poesia, un pre-pre-romanticismo anglo e sassone di favola, forse perché abituati a leggere il nostro nelle sue splendide avventure, con quel linguaggio unico, suo. Ma mai “abituarsi” a un autore di primo piano.

Mi sono avvicinato alle sue poesie, che non conoscevo, e forse non le conosco tutt’ora, in quanto la bellezza del “Sogno di una notte di mezza estate”, “La Tempesta”,”Il mercante di Venezia” sono letture che non scordi, sono letture che ti incitano addirittura alla recitazione, sono letture che chiedono ancora Shakespeare e allora forse ne cerchi ancora nell’altro modo di scrivere. Ma, le poesie forse non danno quello che t’aspetti, belle, ma la chiave shakespeariana non la trovi… Ma lui già lo sapeva…
<<Se potrai sopravvivere al giorno della mia resa felice,
quando quella spilorcia della morte
ricoprirà le mie ossa di polvere,
e ti accdrà per caso di leggere ancora una volta
questi poveri versi imperfetti del tuo amico estinto,
tu confrontali allora con quel tempo migliore,
e per quanto una penna qualunque li possa superare
tienili in serbo per il mio amore, non per la poesia,
sovrastata dall’arte di uomini più fortunati
. […]

Ad ogni modo sono opere che ogni tanto ne va bevuto un sorso e appena dopo reclinar la testa e lanciar il pensiero su nell’alto, chiudendo il libro con l’indice alla pagina.

Editore: Il Sole 24 ore
pagine: 607
ISBN: (EAN 13) 9771827965360
prezzo: 12.90 €. Acquistato all’edicola una piovosa mattina d’autunno, se nn ricordo male. Un bel volume nell’aspetto e curato in un robusto cofanetto. Uscì insieme al quotidiano, che io rifiutai, in quanto quotidiano, Il sole 24 ore, solo in alta Norvegia pensai.

Scritti Corsari

Scritti Corsari PPP.gifScritti Corsari; Pier Paolo Pasolini

Pasoliniano!
Pasolini era l’unica persona “pubblica” che diceva e provava con onestà intellettuale, che l’italiano medio era ormai ni balìa dell’omologazione culturale, e che nessuno aveva il coraggio di sottolineare, questo “silenzio” ne è in effetti una prova.
Pasolini mette in evidenza, secondo me, l’inizio o la conferma dell’usura dell’etimo, parole come “destra” “sinistra”, “fascismo” o “sistema”, erano ormai dialettica per intellettualismi sterili pieni di retorica mediatica e Questi erano il massimo frutto per persone in cerca di un’identità politica che era già oblio.
Pasolini dice: <<Noi intellettuali tendiamo sempre a identificare la <<cultura>> con la nostra cultura: quindi la morale con la nostra morale e l’ideologia con la nostra ideologia. Questo significa: 1) che non usiamo la parola <<cultura>> nel senso scientifico, 2) che esprimiamo, con questo,  un certo insopprimibile razzismo verso coloro che vivono, appunto, un’altra cultura. Per la verità, data la mia esistenza e i miei studi, io ho sempre potuto abbastanza evitare di cadere in questi errori.[…]
Inoltre una attenta e diretta accusa al potere istituito e l’identificazione nel Partito Comunista Italiano come forza che si oppone ai giochi di potere in quel periodo di stragi. <<Io so>> dice Pasolini, i nomi ma non ho le prove>>
[…] Ma non esiste solo il potere: esiste anche un opposizione al potere. In Italia questa opposizione è così vasta e forte, da essere un potere essa stessa. Mi riferisco nayturalmente al Partito Comunista Italiano.
E’ certo che in questo momento la presenza di un grande partito all’opposizione come il PCI è la salvezza dell’Italia e delle sue povere istituzioni democratiche.
<<Il Partito Comunista Italiano è un paese pulito in un paesesporco, un paese onesto in un paese disonesto, un paese intelligente in un paese ignorante, un paese umanistico in un paese consumistico. […]>>
Chissà cosa avrebbe detto Pasolini in una situazione politica odierna e in assenza di un opposizione…. forse lo avrebbero ammazzato di più.

Editore: Garzanti – Elefanti
pagine: 250
ISBN: 88-11-66629-5
prezzo: € 10.00 Un libro voluto, dovuto alla mia vita, un autore che amo e amo i suoi personaggi e i posti dove l’uomo vero trasmette il vero.
Assolutamente, almeno due opere di Pier Paolo Pasolini (anche per chi è
fs*@sta) bisogna leggerle.

Il Ritorno

antonio negri il ritorno.gifIl Ritorno; Antonio Negri

sindonico!

Con difficoltà inserisco questo lavoro di Negri nella categoria “Filosofia”, in realtà anche la rivoluzione, con una forzatura culturale può essere tale.
Non nego che ho pensato, quando stavo per scegliere questo libro, “ecco, come rifarsi un po il trucco dopo un passato burrascoso (eufemismo) e giustificare tra le righe, un compromesso con la nuova borghesia”
 Una attenta lettura, attenua molto questo pensiero, ma non lo elimina, a tratti marca una rivendicazione del passato; la lotta al potere economico-culturale ai tempi del compromesso storico che avrebbe sancito il tradimento di una sinistra che abdicava alla borghesia.
Il volume è una conversazione tra Antonio Negri e la psico-analista: Anne Dufourmantelle che “spinge” il pensiero di Antonio Negri alla associazione di idee con parole come: Brigate Rosse, Twin Towers, Avvenire, oppressione…
E domande all’apparenza semplici, con risposte tra lo scontato e qualche sciolinatura e trasudo rivoluzionario, che per me ora è fuori tempo massimo. Per me la rivoluzione oggi è ben altra cosa.
Ad ogni modo mi aspettavo di più, mi aspettavo in realtà che se veramente Negri ancora “rivendichi”,  non avrebbe scelto di confessarsi con la Rizzoli o qualsiasi altra edition-Major.
Questo libro per me è cassetta.

Editore: Rizzoli
pagine: 254
ISBN: 88-17-87242-3
prezzo: 16.00 €. Dopo averlo letto mi dissi di aver speso troppo, mi dissi di aver fatto un acquisto evitabile e che forse lo avrei trovato prima o poi su bancarelle paesane, in delle sagre dell’uva o delle castagne, dove le persone avrebbero sgomitato per avere gratis un po di natura.

Topografia

topografia_cannarozzo.gifTopografia; Salvatore Cannarozzo

Tacheometrico!

Anche il libro di consultazione è a mio avviso un volume da mantenere vivo e risfogliarlo per carpirne ancora, dove possibile, argomentazioni specifiche.
In questo caso la materia topografica e in specifico, l’ottica geometrica risulta essere , per chi come me appassionato di astronomia, transla nelle ottiche telescopiche le caratteristiche fisiche di ruflettività delle lenti.
Quindi, ancor più interessante “la riflessione e rifrazione della luce” , Il funzionamento del cannocchiale, i prismi e altro ancora.allineatore di Coutureau.gif
Un testo scolastico fatto bene, con illustrazioni e note, una divulgazione intuitiva e facile, per chi abbia un pò di dimestichezza con questa materia.
Lo Squadro allineatore di Coutureau… non ho neanche trovato nulla in riferimento on line, lo stesso per quello di Ertel e quello di Adams!
Insomma, che ne sappia una più del diavolo geometra!

Editore; Signorelli Roma
pagine: 551
ISBN: niente!
prezzo: 2400 lire.Ua quarta edizione del 1971 (Grafiche Chicca s.p.a. Tivoli (Roma)
Acquistato al mercatino dei libri usati a Roma, agli inizi degli anni 80. Giallo come un libro vecchio, prezioso come un vecchio libro.

 

Neruda Poesie

Pablo Neruda Poesie.gifNeruda poesie

Sangre!

Personalmente ritengo la poesia di Pablo Neruda un ode al mondo, sotto tutte le sue sfaccettature. Non mi interessa cercare tra le righe una biografia o una vita vissuta. Ho scoperto la bellezza esasperante delle parole messe insieme come note di violoncello e oboe,. Poteva un uomo  cantare un abito o un libro come lo potrebbe fare della speranza? Bè il suono non cambia, e si entra un un fulgore di suono che è luce allo stesso modo.
Potrei deire anche poesia come arte figurativa perché no !? Unico senz’altro nelle sue sezioni, forse un po Palazzeschi, e chissenefrega delle correnti letterarie!

Ode al carciofo
Il carciofo
dal tenero cuore
si vestí da guerriero
ritto, costruí
una piccola cupola,
si conservò
umpermeabile
sotto
le sue squame,
accanto a lui
i folli vegetali
s’incresparono […]

¿Y que puedo hacernos si, no sé por qué, me recuerda Jorge Louis Borges?
¿Y si la primera poesía que he aprendido enseguida ha sido una poesía de amor campesino que cava como tierra y goza oferta? No lo tengo más desafinada.
La poesía de Pablo Neruda es como pura realidad lo soy yo lector
.

E che ci posso fare se, non so perché, mi rammenta Jorge Louis Borges?
E se la prima poesia che ho subito imparato è stata una poesia d’amore contadino che scava come terra e gode dell’offerta? Non l’ho più scordata.
La poesia di Pablo Neruda è pura realtà come lo sono io lettore.

Editor: Sansoni Firenze

paginas:781ISBN: no nació.
Precio; borrado. Un regalo de mi hermano Mario, una persona que siempre me ha dispensado volúmenes que tendría sin otro buscado, Mario es una persona que sabe preceder mis recorridos.
Le deseo así a todos un hermano.

Editore: Sansoni Firenze
pagine: 781
ISBN: non era nato.
Prezzo; cancellato. Un regalo di mio fratello Mario, una persona che mi ha sempre dispensato volumi che avrei senz’altro cercato, Mario è una persona che sa precedere i miei percorsi.
Auguro a tutti un fratello cosí.

Personalmente creo la poesía de Pablo Neruda un oye al mundo, bajo todas sus tallas. No me interesa buscar entre las rayas una biografía o una vida experimentada. He descubierto la belleza exasperante de las palabras puesta junto notas de como violonchelo y oboe. ¿Pudo un hombre cantar un vestido o un libro como podría hacerlo de la esperanza? Bè el sonido no cambia, y se entra un un fulgor de sonido que es luz del mismo modo.
¿También podría deire poesía como arte figurativo por qué no!? ¡Único sin otro en sus secciones, quizás un po Palazzeschi y chissenefrega (no me interesa) de las corrientes literarias!

I primi tre minuti

steven weinberg.gifI primi tre minuti; Steven Weinberg

L’imfinito!

L’origine dell’universo, che domanda!
Il quesito originale, o il peccato della scienza, ad ogni modo è l’affascinante perché. E per porterne parlare ci vuole intelligenza comunicativa e non manca a Steven Weinberg.
La peculiarità costruttiva di questo libro è quella di partire a ritroso, cioè dal qui e ora,  per fare un viaggio fin dove la nostra mente ci può “reggere”. Talmente vicini ai primi minuti, li dove vacilla il senso comune.
Weinberg mette insieme dati osservativi e leggi fisiche, comunicando passo passo eventi catastrofici e dai comportamenti che valgono più attente analisi e considerazioni.
Esaltando nella ricerca l’uomo e le sue creazioni atte a studiare il cosmo e le proprie origini:
<<Gli uomini e le donne non si accontentano di consolarsicon miti di dèi o di giganti o di restringere il loro pensiero alle faccende della vita quotidiana; costruiscono anche telescopi e satelliti e acceleratori, e siedono alla scrivania per ore interminabili nel tentativo di decifrare il senso dei dati che raccolgono. Lo sforzo di capire l’universo è tra le pochissime cose che innalzano la vita umana al di sopra del livello di una farsa, conferendole un pò della dignità di una tragedia.>>
Libro scritto per chi ha voglia di allenare il cervello pur non essendo esperto in materia.

Editore: Arnoldo Mondadori
pagine: 216
ISBN: niente.
prezzo: non lo so, non c’è scritto da nessuna parte. Io posseggo questa edizione del 1977 e l’ho acquistato a una fiera estiva a Ardore Marina in Calabria una quindicina di anni fà. Un caldo serale soffocante, un banchetto con pochissimi libri e una luce alimentata a gas, il nero della copertina brillava ai miei occhi, un paio di milalire!

La Terra in Espansione

la terra in espansione.gifLa Terra in Espansione: Samuel Warren Carey

Geo-logico!
Alfred Wegener nel 1915 formulò la deriva dei continenti… ma;

Un Libro con la “L” maiuscola, in quanto scuote un po la comunità scientifica che studia l’evoluzione geologica.

Una teoria, intrigante che risponde in modo aderente a quelle preeesistenti su cui si fonda questa materia che da molto tempo è rimasta solidamente ancorata a leggi che per alcuni scienziati abbisogna di rivisitazioni, uno di questi è appunto S. Warren Carey.
La tettonica a placche accettata dalla comunità scientifica, per Carey è un dogma, quindi, propone un nuovo modello, dettagliato e documentato, come si deve in questi casi; il globo terrestre era in origine molto più piccolo e ricoperto totalmente dalla crosta continentale, si è ingrandito e continua ad evolversi in questo senso.
La concezione attuale per cui la litosfera galleggi al di sopra di uno starto “plastico” e che va in estensione in profondità per alcune centinaia di km ed è suddivisa in grandi blocchi o placche, delimitate dalle dorsali oceaniche, da faglie a rigetto orizzontale e fratture arcuate, si allontanino l’una dall’altra in corrispondenza delle dorsali medio oceaniche, sembra per Carey un concetto semplicistico. La tettonica a zolle non definisce l’origine e l’evoluzione delle forze che hanno messo in movimento queste placche.
Qui allora viene fuori l’intuizione, l’intelligenza e lo studio di chi ha dedicato anni della propria vita a questa branca di studio.
Carey come una sorta di premessa porta a testimonianza un’evoluzione culturale partendo da Eratostene a Jean André de Luc (fu lui a coniare il termine <<geologia>>.
Insomma a mio avviso un ottimo lavoro che va letto anche da chi geologo non è.

Editore: Laterza BCM (Biblioteca di Cultura Moderna)
pagine: 345
ISBN: 88-420-2770-7
prezzo: 34.000 lire. Preso al mercatino del libro usato a Piazza Tuscolo a Roma per 5000 lire credo nel 1999. Ricordo però che era avvolto in plastica domopak e pesava un’enormità per 345 pagine, infatti la carta è spessa e pure la copertina. Era leggermente ingiallito, mi spinse ad acquistarlo le frase di quarta:<<Una proposta teorica nuova e affascinante – quasi una filosofia dell’universo – >>