La Nausea

la nausea.pngLa Nausea Jean Paul Sartre. L’esistenzialismo! L’accorgere alla coscienza della propria esistenza. Ad Antoine Roquetin verrebbe da vomitare a causa dell’insulsaggine o dell’esistenza degli oggetti, la realtà è depressione e il lavoro non lo entusiasma più, il suo trasferimento da Parigi a Bouville è stato fino a quei momenti inutile e peggiorativo. Non gli rimane che interrompere il libro che aveva tentato di concludere e iniziare ad annotare tutti i suoi stati d’animo e da qui rendersi conto che l’arte è il mezzo di giustificazione dell’esistenza.
Certo tra queste poche righe metteteci per favore lo stile di scrittura sartriano.
[…] “Nelle mie mani ad esempio, c’è un qualcosa di nuovo, una certa maniera di prendere la pipa o la forchetta. Oppure è la forchetta che adesso ha un certo modo di farsi prendere, non so. Or ora, entrando in camera mia, mi sono fermato di colpo sentendomi nella mano un oggetto freddo che attirava la mia attenzione con una specie di personalità. Ho aperto la mano e ho guardato: tenevo semplicemente la maniglia della porta.[…]
D’altronde uno scrittore barra filosofo, già prigioniero nella seconda mondiale dei tedeschi, poi riuscito a scappare, poi fondatore del Rassemblement Democratique Révolutionnaire più a sinistra che il PCF, uno scrittore barra filosofo che insignito del premio Nobel, Ha! Lo rifiuta, bè certamente ha poco di un comune letterato scrittore no? Un libro da avere sullo scaffale e tirarlo giù per leggerlo anche più di una volta a distanza sicura di almeno un anno.

Editore: Biblioteca di Repubblica
pagine:  223
EAN13: 9770390107900 + 31015
ISBN: 84-9789-011-6
prezzo: € 4,90 abbinato al quotidiano che io ho rifiutato perché tanto non li leggo altrimenti sarebbe costato 5,80!
E dice pure:” Il presente libro deve essere venduto esclusivamente in abbinamento al quotidiano La Repubblica. Tutti i diritti di copyright…ecc”
La stampa e legatura di sto libro l’hanno fatta fare in Spagna.

La Nauseaultima modifica: 2009-04-22T20:12:00+00:00da maximored
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento